Venerdì 23 Giu 2017
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Simbolismo in Ariete

Stampa PDF

La personalità Ariete nelle fiabe e nella mitologia


Una figura interessante, molto utilizzata nel racconto fiabesco, è quella del cavaliere, ben rappresentata dal segno zodiacale Ariete. Il salvatore delle fiabe è di solito un prode e valoroso cavaliere, sempre pronto a combattere per tutelare o salvare una fragile e indifesa donzella. Il cavaliere è mai mediocre o meschino, ma nobile, coraggioso e rispettoso del codice d’onore, virtù che gli consentono di affrontare le brutture istintuali, impulsive e crudeli, raffigurate da mostri, orchi, giganti, draghi, che imprigionano la vittima-donzella nella solitudine di una torre.

L’immagine di Ariete potrebbe inoltre essere riconducibile a Giasone figura mitologica a capo della spedizione degli Argonauti per conquistare il vello d’oro. Arrivato nella Colchide incontra Medea, sacerdotessa e maga che aiuterà Giasone nella sua impresa. Giasone poi si lascerà coinvolgere dal successo e prestigio raggiunti, a tal punto da abbandonare Medea e i loro figli per perseguire una nuova conquista. Medea per vendetta lo distruggerà, ucciderà i loro figli e la futura promessa sposa e, maledicendolo, scomparirà su un carro trainato da draghi.

Sia nell’immagine fiabesca sia nel racconto dell’eroe possiamo trovare ben rappresentate alcune qualità arietine.

Il tipo del segno zodiacale Ariete è propenso a trovare sempre una causa per cui combattere, vi è in lui qualcosa che cerca di redimere, qualcosa che altri hanno rifiutato o che è imprigionato in soffocanti valori collettivi (la stupidità, l’ignoranza  o il senso del possesso, ecc… la cui immagine è ben rappresentata dall’orco, dal mostro o dal padre/padrone).

Come Giasone, anche Ariete tende a perdere facilmente l’interesse, specie una volta conquistato l’oggetto del proprio desiderio personale si rivolge prontamente a qualcos’altro. Nel mito il protagonista dimentica di frequente il suo obiettivo: lasciandosi trascinare da impulsi ed eventi che in quel momento lo stimolano, non comprende che dovrà costantemente combattere la battaglia contro i propri desideri per poter proseguire eroicamente il suo cammino. Alla fine Giasone morirà colpito alla testa: in analogia con la corrispondenza anatomica del segno zodiacale Ariete.

 

Manuela Mattioli

Associazione culturale “senzanome”per lo sviluppo della Consapevolezza

 111 visitatori online