Venerdì 17 Nov 2017
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Il Ciclo, l’Era dei Pesci e l’Era dell’Aquario

Stampa PDF

Stiamo varcando una soglia. Non accade per la prima volta, è già successo 2160 anni fa quando iniziò l’Era dei Pesci. Ora, per un fenomeno che astronomicamente viene detto “precessione degli equinozi”, siamo sulla soglia dell’Era dell’Aquario.

La particolarità attuale è che non solo finisce un “piccolo ciclo” di 2160 anni, ma è anche la fine del Grande Ciclo di 25920 anni, la fine cioè della forma-pensiero deposta dai Logoi cosmici dando inizio al Grande Ciclo dei Pesci.

Oggi stiamo vivendo le doglie del parto di una Nuova Era: questo rende il momento veramente straordinario.

Le crisi che stiamo vivendo ora e che investono tutti gli ambiti (sociale, economico, politico, di valori religiosi, ecc…) sono la conseguenza della necessità di riorientare le energie. L’Era dei Pesci è stata caratterizzata da specifiche energie che hanno aiutato l’umanità ad “aprire” il Centro del Cuore attraverso la fede e la devozione religiosa o politica. Le devastazioni delle “guerre sante” sono conseguenze negative di queste energie, ma gli aspetti positivi sono notevoli: donazione di se stessi per il bene degli altri, innocuità, senso del sacrificio. Conquiste scientifiche, nazionali, economiche e di territori sono caratteristica del metodo proprio dell’era dei Pesci, con il suo idealismo militante e la sua separatività in ogni campo; ma ormai sopraggiunge l’era della sintesi, dell’inclusività e della comprensione.

La trasformazione che dobbiamo attuare è tale da convertire le forze:

- dal personalismo (“non sa chi sono io”), al senso di universalità (“io siamo”)

- dall’individualismo (leader), al gruppo

- dalla soddisfazione dei desideri materiali (una delle funzioni dell’Era dei Pesci è stata di rendere l’uomo sazio di “stupidaggini” inutili, poiché solo così ha potuto comprendere che la felicità non dimora nel possedere), alla semplicità

- dal piano emotivo, al piano mentale

- dalle energie di Marte, Nettuno (sesto Raggio della Devozione), a Urano (settimo Raggio Ordine cerimoniale = ritmo esempio la meditazione = intuizione = conoscenza intuita non più acquisita di riflesso da altri, ma conoscenza rivelata)

- dall’atto di fede, all’applicazione scientifica della conoscenza (quinto Raggio in manifestazione nella Nuova Era) poiché solo così possiamo unire le energie del piano mentale superiore (mente astratta) con quelle del piano mentale inferiore (mente concreta), non solo, inoltre possiamo unire la Mente al Cuore

 103 visitatori online