Venerdì 23 Giu 2017
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Primo anno

Stampa PDF

Resoconto del primo anno dell’Associazione culturale “senzanome”  - Giugno 2011

L’anno scorso, di questi tempi, eravamo alle prese con la sistemazione della sede dell’associazione: colori indiani da accostare, travi da far rivivere, mobili da rinnovare, impianti da costruire…
insomma un gran da fare che ha generato il fiorire di tante idee e progetti.
Forse abbiamo richiamato degli “Aiutatori”, uno per certo molto giovane e bello che ci ha fatto dono della vita mantenendoci coesi. Ma penso anche ad altri/e che dall’alto hanno ben sincronizzato tutti gli eventi, poichè veramente, abbiamo fatto tante cose!!!!
Ci siamo guardati dentro, diretti nel profondo (Angelico docet…), ci siamo contati, svuotati e geometrizzati: ne è scaturito lo Statuto, la nostra mission…
Adempiuto poi alle pratiche burocratiche, siamo fisicamente nati il 21 dicembre 2010 col Sostizio d’Inverno… eh sì… Capricorno siamo! belli tosti… determinati a salire la montagna, costi quel che costi, con la consapevolezza che dobbiamo spogliarci dell’ego, così da essere leggeri, senza bagagli lasciando solo delle tracce nella rete… sul nostro sito www.senzanome.org: lui sì che ci ha messo alla prova… e pure continua… ma prima o poi lo renderemo docile e servizievole certi che ce la faremo a domarlo.
Col freddo è arrivata una proverbiale stufa a legna che ci ha svuotato le tasche (ormai bucate), ma ha riscaldato i nostri cuori, ci siamo fatti poi una coperta di conoscenza, cucita con tutte le religioni e le filosofie spirituali più significative… il sarto è venuto “in quiete” ed ora siamo più Consapevoli di quanti Dei ci sono nel nostro Universo, e anche di quelli che, chi lo sà se ci sono.
Ad ogni plenilunio ci guida una meditazione di gruppo, mettiamo un seme individuale e comune, che poi darà i suoi frutti. Il primo frutto importante è stato il simposio, tre giorni intensi - così delicati, poetici, fluidi… abbiamo suonato la nota “Parliamo di Morte per Parlare di Vita”;
da questo tanti contatti, anime sorprendenti come quelle di Maria Lucia arrivate anche da lontano che hanno veramente aperto uno spiraglio di Luce.
Così che partirà un progetto importante a lungo termine, anzi senza termine, un progetto lungo più di una vita… ma ci sarà il suo tempo…
Poi siamo diventati costruttori di ponti: siamo collegati a chi come noi è sul Sentiero collaborando, ad esempio, con associazioni sorelle (www.lenuvoledicivita.it) con le quali possiamo continuare a studiare i testi dei Maestri condividendo gioie e sofferenze che il percorso presenta…
Abbiamo fatto anche fortunati incontri con piccole case editrici di nicchia poiché “Esiste La Luce In Noi - Siamo Esseri Legati All’Eterno” (www.ellinselae.org) e ci emozioniamo di libri, poesie, musiche.
Ci improvvisiamo grafici, tipografi, ci dedichiamo a Cuore aperto alle public relations cominciando timidamente a farci conoscere perché crediamo davvero che questa sia una buona strada da percorrere.
Ma mentre siamo in cammino ci piace tanto nutrirci e questo nel vero senso della parola, ovvero ogni occasione è buona per cucinare, assaporare, stupire,
insomma deliziare anche il corpo, tant’è che, in due e due quattro, ci siamo ampliati: zona ristoro e bagno da meditazione, e di nuovo siamo diventati muratori, idraulici, pittori… e via a tirarsi su le maniche tutti insieme…
e via che un’idea intuita ne tira un’altra.
Così nasce anche un laboratorio di studio e ricerca Omega, l’inizio e la fine, un esperimento di gruppo in fasce che ci permetterà di tastare il polso della nostra volontà ed impegno sulla strada dell’Aspirazione.
E per ultimo… il più importante, il grande salto quantico, motore della partenza, la presenza sempre viva e determinante in questo anno di rodaggio del nostro amato e prezioso Angelo… Angelico che è riuscito nel suo intento di renderci indipendenti, sicuri dei nostri mezzi e forti delle nostre aspirazioni così da tagliare quel cordone ombelicale che ci teneva ancora in fasce e un po’ succubi di un ciclo ormai terminato.


Oggi festeggiamo tutti insieme il Sostizio d’Estate siamo qui increduli per tutto questo lavoro che malgrado le poche disponibilità e mezzi siamo riusciti a fare, di certo i nostri Aiutatori ci tengono in gran considerazione, ma siamo certi che questo sia anche frutto della credibilità che abbiamo come gruppo, una credibilità fatta di empatia che riusciamo a stabilire fra di noi, di impegno individuale serio e dell’Aspirazione al Servizio.

 158 visitatori online