Venerdì 23 Giu 2017
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Lavanda

Stampa PDF

Appartiene alle piante mercuriane.
Anche le piante si muovono: con il fusto verso l’alto, con le radici verso il basso, in orizzontale con i rami  e le foglie e volano con i loro aromi volatili.
Mercurio presiede a questo movimento: in verticale tra l’Olimpo e l’Ade, in orizzontale tra tutti gli esseri del pianeta.
Dall’unione con Afrodite nasce Eros.
L’Olio della lavanda è un olio mercuriale che si pone tra Yin e Yang, è equilibrato e può neutralizzare gli umori estremi.
Gli oli esenziali di questa pianta corroborano il sistema respiratorio e metabolico e stimolano o rilassano quello nervoso.
E’ una pianta ricca di elementi nutritivi.
La bella figlia del re di Persia, racconta una favola, era promessa sposa a un sultano, solo per ragioni politiche.
Il re l’aveva affidata a un giovane tutore per istruirla nella botanica e nell’astrologia, ma essi si innamorarono.
Il Divino ne ebbe compassione e una notte li assunse fra le stelle in cielo. Al loro posto nella stanza da letto rimase una piantina di lavanda.
L’azione della lavanda è un’azione complessa, che si esercita a livello del sistema nervoso autonomo, agendo sul simpatico e sul parasimpatico, stimolando o rilassando.
Azione antispamodica sia per l’apparato respiratorio che digerente e urogenitale.
La lavanda irradia serenità e freschezza, è simbolo di virtù e di purezza dell’anima.
La sua spiga è considerata un amuleto che protegge da disgrazie, ossessioni e demoni; propizia prosperità e fecondità.
La lavanda tende ad addolcire e crea un’aurea dolcemente luminosa, plasma l’impulsività e calma i nervi.
Essa ha qualcosa di incontaminato e vergine che può lavare le impurità del corpo e dell’anima.
Il suo aroma evoca un senso di vastità che aiuta a lasciare andare via i pensieri fissi e a rinfrescare le teste calde…
I pensieri diventano liberi ma anche più precisi e le decisioni vengono prese con più equilibrio.
E’ una pianta adatta alle persone che esagerano ma che in realtà sono solo alla ricerca di equilibrio. Viene usata quindi per la cura del nervosismo, dei disturbi del sonno, dello stress, della depressione, della malinconia, degli stati di paura e di eccitabilità.
E’ un rigenerante ma in grado al tempo stesso di calmare e tranquillizare: se si è stanchi rinfresca, se si è nervosi tranquillizza.
Ha moltissime proprietà curative del corpo: scottature, punture di insetti, eczemi, dermatiti, reumatismi, sciatica, mal di testa, influenza, raffreddore, pressione alta, disturbi cardiaci.

 166 visitatori online