Venerdì 23 Giu 2017
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

La Vita Psichica secondo Assagioli

Stampa PDF

La vita psichica è stata rappresentata da Assagioli in questo modo:

1: Sé SUPERIORE o VERO IO - TRANSPERSONALE. È immobile, stabile, immutabile, imperturbabile. È atemporale, fisso (è oltre ciò con cui ci identifichiamo, è oltre la Personalità). L’Io cosciente (diciamo il “piccolo io”) è soltanto un pallido riflesso della perenne, immortale essenza dell’Io spirituale, del Sé Superiore – Transpersonale (= oltre la personalità)

2: L’INCONSCIO SUPERIORE. Le ispirazioni e le intuizioni superiori, artistiche, scientifiche, filosofiche. Le qualità superiori. I talenti. Gli slanci umanitari e altruistici. Gli imperativi etici. Gli stati di illuminazione, contemplazione, estasi. Le energie superiori dello spirito. Le facoltà supernormali di tipo elevato.

3: L’IO O SÉ COSCIENTE. E’ quel Centro che percepisce i contenuti della coscienza e con i quali si identifica. Esempio: quando siamo tristi affermiamo “io sono triste”, "l'io" si definisce triste. È temporaneo, mutevole, è ciò con cui ci identifichiamo.

4: IL CAMPO DI COSCIENZA. È tutto ciò di cui siamo, momento per momento, consapevoli. Al suo interno ritroviamo i cosiddetti contenuti della coscienza che per loro natura sono mutevoli: immagini, sensazioni, pensieri, emozioni, sentimenti, desideri, impulsi, volizioni, ma anche intuizioni, ispirazioni e così via.

5: L’INCONSCIO MEDIO. Le esperienze personali che possono facilmente essere riportate alla coscienza. Le conoscenze acquisite. Tutti gli elementi che giungono dagli altri livelli dell'inconscio e che per così dire attendono di penetrare nella coscienza. L'elaborazione intellettuale, immaginativa e creativa di valore medio. La rielaborazione delle esperienze fatte e la preparazione delle future attività.

6: L’INCONSCIO INFERIORE.

Appartengono a questa istanza:

  • Le attività che presiedono alla vita organica, cioè la coordinazione intelligente delle funzioni fisiologiche
  • Le tendenze e gli impulsi primitivi, resti dell'eredità atavica, della specie, della razza, della famiglia (noi siamo il prodotto di una lunga evoluzione)
  • Gli istinti fondamentali (sono cinque: di conservazione, di autoaffermazione, di riproduzione, gregario e di ricerca)
  • Le esperienze rimosse
  • I complessi psichici personali
  • Sogni ed attività immaginative di tipo elementare ed inferiore
  • Le manifestazioni patologiche, come le fobie, le ossessioni, i deliri, le allucinazioni e così via
  • Certe facoltà parapsicologiche spontanee, non dominate

Il Corpo mentale è il veicolo per mezzo del quale il Sé si manifesta e si esprime sotto l’aspetto di intelletto o pensiero concreto. La mente è il riflesso dell’aspetto conoscitivo del Sé e cioè del Sé quale Conoscitore.

 121 visitatori online