Giovedì 24 Ago 2017
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Oltre il confine del Sistema Solare

Stampa PDF

 

 Stiamo varcando una soglia...

La Nasa ha annunciato che una sonda lanciata nello spazio nel 1977 sta varcando i confini del Sistema Solare. Secondo il nostro parere si tratta di una notizia dai contenuti particolarmente significativi in questo passaggio dall'Era dei Pesci all'Era dell'Aquario.
Nel passato la scoperta di Urano produsse negli uomini l’espansione della Coscienza (Urano è stato scoperto nel 1781, nel XVIII secolo si sviluppò l’illuminismo, cioè quella corrente culturale e filosofica che "illuminò" la mente degli uomini ottenebrata dall’ignoranza e dalla superstizione), infatti significò superare il limite che si pensava invalicabile rappresentato da Saturno. Oggi, proprio nel passaggio dall’Era dei Pesci all’Era dell’Aquario, stiamo entrando nello spazio interstellare, sconosciuto e inesplorato: questo produrrà probabilmente un ulteriore risveglio delle Coscienze...

 

 

 

 

 

Di seguito uno stralcio dell’articolo pubblicato in:

http://www.repubblica.it/scienze/2012/12/04/news/voyager_al_confine_con_lo_spazio_interstellare_la_sonda_arriva_dove_nessuno_mai_giunto_prima-48052085/
 

Voyager al confine del sistema solare,
dove nessuno è mai giunto prima

Lanciato 35 anni fa, il veicolo Nasa sta per entrare nello spazio interstellare, sconosciuto e inesplorato. Attualmente si trova in una inattesa "autostrada magnetica" a 18,5 miliardi di chilometri dal Sole. La Nasa: "La scoperta di questa zona non è quello che ci aspettavamo".

Subito prima dello spazio interstellare c'è la zona in cui si trova ora Voyager 1. Ribattezzata dagli scienziati "autostrada magnetica", uno spazio dove le particelle ad alta energia provenienti dallo spazio interstellare entrano nel sistema solare e quelle a bassa energia provenienti da quest'ultimo fuggono via. Questa connessione tra zone dello spazio permette alle particelle con minore energia che si sono originate nell'eliosfera interna (la regione più vicina al Sole) di accelerare verso l'esterno e consente alle particelle esterne, molto cariche, di fluire all'interno dell'eliosfera. Prima di entrare in questa regione, le particelle cariche rimbalzano in tutte le direzioni, come se fossero intrappolate in una specie di "tangenziale" nell'eliosfera. La direzione delle linee del campo magnetico in questa regione fa supporre che Voyager 1 si trovi ancora all'interno dei confini del Sistema solare: un brusco cambiamento è invece atteso in occasione dell'ingresso nello spazio interstellare.

 

Per approfondimenti:
http://www.repubblica.it/scienze/2012/12/04/news/voyager_al_confine_con_lo_spazio_interstellare_la_sonda_arriva_dove_nessuno_mai_giunto_prima-48052085/

 170 visitatori online