Giovedì 24 Ago 2017
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

L'Istruttore del Mondo

Stampa PDF

L’opera dell’Istruttore del Mondo, il Cristo

Il secondo gruppo è presieduto dall’Istruttore del Mondo. Egli è il grande Essere che i Cristiani chiamano il Cristo; in Oriente è noto come Bodhisattva o Signore Maitreya, ed è Colui che i Maomettani attendono quale Iman Madhi. È Colui che presiede i destini della vita da circa 600 anni avanti l’era cristiana, venuto poi tra gli uomini e di nuovo atteso.

È il grande Signore d’Amore e di Compassione, così come il Suo predecessore, il Buddha, fu Signore di Saggezza.

Attraverso di lui fluisce l’energia del secondo aspetto, che gli giunge direttamente dal centro del cuore del Logos planetario tramite il cuore di Sanat Kumara. Egli opera per mezzo di una meditazione centrata nel cuore.

È l’istruttore del Mondo, il Maestro dei Maestri e l’Istruttore degli Angeli; a Lui sono affidati la guida del destino spirituale degli uomini e lo sviluppo in ogni uomo della coscienza di essere un figlio di Dio e figlio dell’Altissimo.

Come il Manu provvede il tipo e le forme per mezzo dei quali la coscienza può evolvere e raccogliere esperienze, rendendo in tal modo possibile l’esistenza nel suo senso più profondo, così l’Istruttore del Mondo dirige la coscienza interiore, nel suo aspetto vita o spirito, cercando di risvegliarla entro la forma affinché a suo tempo quella forma possa essere eliminata e lo spirito liberato possa tornare al luogo da cui proviene. Come riferisce in modo quasi esatto il Vangelo, per quanto non manchino errori nei particolari, da quando lasciò la Terra Egli rimase con gli uomini dai quali non si è mai realmente allontanato, ma solo in apparenza. Coloro che conoscono il cammino possono raggiungerlo, incarnato fisicamente, nell’Himalaya, ove lavora in stretta cooperazione con i Suoi due grandi Fratelli, il Manu e il Mahachohan.

Quotidianamente Egli riversa la Sua benedizione sul mondo e sotto il grande pino del Suo giardino ogni giorno, al tramonto, Egli leva le mani a benedire tutti coloro che veramente e seriamente cercano e aspirano. Tutti gli sono noti, e sebbene essi possano esserne inconsapevoli, la luce che Egli riversa stimola i loro desideri, alimenta la scintilla di vita protesa nello sforzo e incita gli aspiranti fino al grande giorno in cui si troveranno faccia a faccia con Colui il quale, essendo stato “innalzato” (in senso esoterico) attira tutti a sé quale Iniziatore dei sacri misteri.

INIZIAZIONE UMANA E SOLARE, A. A. BAILEY

 157 visitatori online